Sesso al cinema con bella diciottenne arrapata

   17/03/2008
  
   1.202

Era tanto che non mi succedeva di andare al cinema e neppure ricordavo quanto tempo fosse passato dall’ultima volta che c’ero andato da solo. Da quando stavo con Diana, le nostre vite erano state vissute in perfetta sincronia ed anche soltanto vedere un film, senza la sua mano nella mia, mi metteva a disagio. Diana era dai genitori al mare e non era un mistero che non fossi esattamente quello che si può definire il partito ideale per la loro figlia. Colpa del mio passato da inguaribile donnaiolo, avevo supposto, anche se quella ritenevo potesse essere considerata acqua passata.Il mio lavoro mi aveva sempre portato a fare facilmente breccia nel cuore delle mie tante allieve. Ero istruttore nella palestra più in vista della città, simpatico, ben fatto; non c’era sera, prima di conoscere Diana, che non finissi in compagnia di una delle mie allieve più carine. Diana venne molto tempo dopo, anche se fu proprio la palestra a farci incontrare. Capii subito che non era come le altre e me ne innamorai come un ragazzino.I genitori da subito, però, ci avevano reso la vita difficile e quindi, se lei era con loro, io dovevo esserle lontano anni luce. Era diventato, questo, l’unico modo per sopravvivere all’incresciosa situazione che si era creata. L’addetto a strapparmi il biglietto scostò i pesanti drappi che mi separavano dalla platea e mi lasciò entrare. Una volta all’interno, mi accorsi che i posti a sedere erano tutti occupati meno quelli dell’ultima fila che avevano davvero poco di appetibile visto che erano praticamente appiccicati alle poltrone della penultima fila e, quasi non bastasse, a siderale distanza dallo schermo. Mio malgrado, presi posto nell’ultima poltrona di sinistra. Qualche istante dopo le luci della sala si spensero. Alla mia destra scorgevo, illuminata a tratti dal proiettore alle mie spalle, la lunga fila di poltrone abbattute e vuote che conduceva al corridoio centrale. Il film cominciò. Di tanto in tanto, distrattamente, davo un’occhiata qua e là alle nuche di coloro che erano intenti a guardare il film, poi, in breve, la trama mi avvinse completamente e solo la riaccensione delle luci, che annunciava la fine del primo tempo, mi riportò davanti agli occhi la sala gremita e le teste, ormai completamente illuminate, degli spettatori. Fu allora che sentii due mani chiudermi gli occhi accompagnate da una voce femminile. “Indovina chi sono?” chiese quella voce. Non ne avevo la più pallida idea, tirai ad indovinare un paio di volte ma rimediai soltanto un paio di risentite e deluse rispostacce. “Dicevi che mi avresti riconosciuta in mezzo a mille, lo dicevo io che dei complimenti degli istruttori non bisogna fidarsi” replicò quella voce. Finalmente si accese la lampadina. Era Serena, una delle allieve più attraenti che avessi mai avuto. Aveva poco più di 18 anni, la metà dei miei quindi, ma era il classico tipo di ragazza che avrebbe fatto perdere la testa a chiunque. In palestra mi ero accorto da subito dell’effetto che aveva la sua presenza sui ragazzi ed anche sugli uomini non più giovanissimi. Erano tutti a sbavarle dietro e lei pareva facesse di tutto per attirare la loro attenzione. Il suo ingresso in sala pesi costituiva una sorta di corto circuito per tutti i maschietti presenti. Lei sempre in tutine aderentissime, capaci di lasciare ben poco all’immaginazione, passava da un attrezzo all’altro con una sensualità sconvolgente. Circolavano diverse voci sul suo conto e sebbene molte di queste potevano anche essere il frutto dell’immaginazione dei tanti spacconi delusi che le facevano il filo, la sua figura era ormai circondata da quell’impalpabile velo di sfrontata disponibilità che la faceva apparire ancora più eccitante di quanto già non fosse.

“Che ci fai qui tutto solo, istruttore?” mi chiese sedendosi alla poltrona accanto alla mia. “Volevo vedere questo film e allora…eccomi qua”, risposi io. “Sono qui con un paio di amiche ma non ci penso neppure a tornare da loro. Sono di una noia mortale e poi chi si perderebbe mai l’occasione di vedere la fine del film con il mio istruttore preferito! Posso sedermi qui accanto a te?”. Quella domanda percorse il mio corpo come la più potente e improvvisa delle scariche elettriche. Sapevo che aver accanto, nel buio della sala, una ragazzina così non sarebbe stato facile. Una parte di me avrebbe voluto dirle di no, ma, quasi senza accorgermene le feci segno di restare lì accanto a me. Il film cominciò pochi istanti dopo. Serena tolse la giacca di jeans che aveva addosso e la lasciò cadere sulla poltrona vuota che aveva accanto. La luce intermittente del proiettore illuminava a tratti la magliettina corta e aderente che metteva in risalto i suoi seni generosi. Il film era lì che andava, ma, la mia attenzione, prima persa nella trama del film, ora era letteralmente dalla sua sensualità. Il mio sguardo, poi, si posava sulle gambe lasciate colpevolmente scoperte da una ridottissima mini gonna. Ero ormai in balia di quella splendida diciottenne. Cercavo con tutte le forze di respingere la mia eccitazione, ma, ogni mio sforzo sembrava inutile, ogni mio tentativo di concentrarmi su quello che veniva proiettato sullo schermo non sortiva alcun effetto. L’immagine di Diana, la ragazza che amavo più della mia stessa vita, rimbalzava all’interno della mia testa come fosse una scheggia impazzita ma l’eccitazione, l’istinto, la voglia di trasgressione, che mai prima di allora avevo sentito forti crescere dentro di me, stavano prendendo il sopravvento. Serena, dal canto suo, sembrava quasi essersi accorta del mio conflitto interiore e faceva di tutto per non attenuarlo. Sembrava, anzi, provare piacere ad accarezzarsi distrattamente la coscia, poi il seno destro e a schiudere lentamente le labbra lasciando intravedere la lingua. Ero eccitatissimo ma inerte, immobile sulla mia poltrona, incapace di dare un seguito alle forti emozioni che mi stava trasmettendo quella ragazzina. Gli occhi fissavano lo schermo, il mio sguardo veniva distratto forzatamente, ma, il tarlo rappresentato dalla vicinanza di quel corpo giovane, sinuoso e disponibile non smetteva di crescere nel mio cervello. Serena ad un certo punto abbandonò la testa sulla mia spalla. Non so quanto malizioso fosse stato quel gesto ma a me parve un incoraggiamento. Le passai, allora, un braccio dietro le spalle e la avvicinai a me. Serena, che forse non aspettava che quello, cominciò a baciarmi il collo. Di tanto in tanto, con la lingua, sfiorava la mia pelle, poi ritornava a far scorrere le sue labbra umide e appena dischiuse lungo tutto il collo fino all’orecchio. La patta dei jeans sembrava esplodermi. Serena lasciò scivolare la sua mano dapprima sul petto, poi sugli addominali e, dopo alcuni interminabili attimi che a me sembrarono ore, raggiunse la patta. Afferrò il mio cazzo attraverso i jeans intrappolando tra indice e pollice la cappella e cominciò a far scorrere lentamente le due dita in alto e in basso. Stavo impazzendo. La mia mano destra, intanto, si era impadronita dei suoi seni. Sentivo i suoi capezzoli inturgidirsi sempre di più sotto le dita. Lasciavo i seni soltanto per raggiungere le sue mutandine e infilare le dita nella sua fica ormai bagnatissima. Serena, ad un tratto, allungò una mano, prese la giacca dalla poltrona accanto e la dispose sulle mie gambe e liberò, in tutta fretta, il cazzo dai jeans. Il contatto delle sue dita sul mio cazzo nudo lo rese ancora più duro e ansioso di esplodere. Lo impugnava con decisione appena sotto la cappella e lentamente costringeva il prepuzio a denudarla completamente per poi riportarla su fino a ricoprirla per intero. Non so quanto durò quella splendida sega ma ricordo che fu interminabile. Venni imbrattandole indecorosamente la parte interna della giacca e la mano di sperma. Serena estrasse, allora, la mano da sotto la giacca e portò le dita ricoperte di seme alla bocca ripulendole avidamente con la lingua. Quanto stavo vivendo sembrava tratto da uno dei miei più riusciti sogni erotici, ma, anche se era davvero difficile crederci stava succedendo davvero. Serena, intanto, era tornata a guardare lo schermo quasi noncurante di quanto fosse appena successo fra noi. Per niente soddisfatto e con ancora stampata nella mente l’immagine della lingua di Serena intenta a leccarsi tutto il mio sperma, la presi per una mano e senza aspettare alcun tipo di consenso la trascinai su per le scale che portavano alla galleria.

Al cinema non ci venivo da anni ma conoscevo quella sala cinematografica come le mie tasche. La mia adolescenza era trascorsa tra quelle mura quando, ancora in calzoncini, tra ragazzini facevamo a gara per raggiungere il palco più in alto di tutti, collocato proprio accanto alla camera di proiezione. Sapevo che soltanto nei giorni di straordinario affollamento quel palchetto veniva usato ed allora mi diressi lì. Serena mi seguiva senza dire una parola e una volta raggiunto il palchetto, deserto come in cuor mio speravo che fosse, cominciai a baciarla tenendole la testa per i capelli. Ormai non vedevo più la ragazzina diciottenne, ma, una donna in calore desiderosa quanto me di cose proibite. Le afferrai la testa con forza e la spinsi in basso fino a costringerla ad inginocchiarsi. Lei cominciò a strusciare il volto contro la patta dei jeans, poi, abbassai la cerniera e prepotentemente le infilai il cazzo già duro in bocca. Lei cominciò a succhiarlo lentamente alternando piccoli e veloci colpi di lingua a lente ma profonde ingoiate. Poi la fermai e delicatamente la tirai su e le imposi di voltarsi. I lunghi capelli mossi e neri le arrivavano fino alla schiena. Li scostai lentamente e cominciai a baciarle il collo. La sentivo vibrare sotto i miei colpi di lingua. Percorsi un numero infinito di volte il suo collo sfiorandola appena con le labbra, mentre con una mano le accarezzavo un seno e con l’altra mi facevo strada in mezzo alle sue cosce. Era come impazzita e tratteneva a stento le urla di piacere.

Poi, con decisione, la spinsi contro la balaustra del palchetto invitandola a chinarsi in avanti. Avevamo di fronte l’enorme schermo e sotto di noi le centinaia di teste immobili a guardare il film. Le alzai la minigonna, le scostai il perizoma e lasciai che il mio cazzo le scivolasse dentro la fica. Cominciai a scoparla prima con delicatezza poi in maniera sempre più decisa e violenta. Vedevo la schiena di Serena arcuarsi per attenuare i miei colpi, la sua testa muoversi in modo convulso, la sua lingua umettare continuamente le labbra. Ad un certo punto fermai l’irruenza dei colpi, tirai fuori il cazzo e puntai la cappella verso il suo splendido culetto. A fatica riuscii a farmi strada. Era stretto, ma non nuovo a certe esperienze. Continuai a sbatterla con forza. Poi quando sentii vicino il momento di venire la voltai, la costrinsi nuovamente in ginocchio dinanzi a me e le svuotai in gola il frutto del mio eccitamento. Ingoiò tutto golosamente e continuò a leccare fino all’ultima goccia di sperma. Poi esausti, prima che il film finisse, piombammo sulle poltrone del palchetto rossi in viso e madidi di sudore.

“Lo dicevo alle mie amiche che nella mia palestra c’è un istruttore molto preparato…” disse Serena baciandomi su una guancia. Senza aggiungere altro discese le scale e mi lasciò da solo a vedere la fine del film. Da quel giorno al cinema è passato un lungo anno. Serena continua ad allenarsi nella mia palestra e a far sbavare tutti i frequentatori come un anno fa. Le voci sul suo conto non si sono attenuate, ma adesso hanno un effetto diverso quando giungono alle mie orecchie. Aver tradito Diana per diverso tempo ha portato un po’ di scompiglio nella mia vita. Volevo confessarle tutto, ma poi ho pensato che non mi avrebbe mai perdonato. Al cinema preferisco non andarci più, neppure in compagnia della mia Diana. Il cinema, ho l’impressione, mi faccia perdere la testa.

Video Porno simili